Competenze

Versione stampabileInvia per email

La definizione dell’ambito delle competenze professionali degli ingegneri è stata innovata attraverso disposizioni normative che hanno ad oggetto da un lato la “riforma universitaria” e la “determinazione delle classi delle lauree specialistiche”, dall’altro le modifiche ed integrazioni della disciplina dei requisiti per l’ammissione all’esame di Stato e delle relative prove per l’esercizio di talune professioni.

Il D.P.R. n. 328/2001 statuisce che “le sezioni negli albi professionali individuano ambiti professionali diversi in relazione al diverso grado di capacità e competenza acquisita mediante il percorso formativo” e che “ove previsto dalle disposizioni di cui al Titolo II, negli albi professionali vengono isituite due sezioni".

Con riferimento specifico alla professione di ingegnere il regolamento, sulla scorta dei principi e degli obiettivi di cui sopra, ha provveduto a riorganizzare il relativo Albo, l’esame di abilitazione nonché l’attribuzione delle rispettive competenze professionali.

Nell’albo professionale degli ingegneri vengono istituite due sezioni (A e B) ciascuna delle quali ripartita nei settori: a) civile e ambientale; b) industriale; c) dell’informazione.

L’iscrizione alla sezione A conferisce il titolo di ingegnere (declinato nel rispettivo settore di specializzazione ed ossia ingegnere civile e ambientale, ingegnere industriale, ingegnere dell’informazione), mentre quella alla sezione B conferisce il titolo professionale di ingegnere iunior (anch’esso declinato nel rispettivo settore di specializzazione ed ossia ingegnere civile e ambientale iunior, ingegnere industriale iunior, ingegnere dell’informazione iunior).

Le attività professionali che formano oggetto della professione di ingegnere sono così ripartite:
a) per il settore "ingegneria civile e ambientale": la pianificazione, la progettazione, lo sviluppo, la direzione lavori, la stima, il collaudo, la gestione, la valutazione di impatto ambientale di opere edili e strutture, infrastrutture, territoriali e di trasporto, di opere per la difesa del suolo e per il disinquinamento e la depurazione, di opere geotecniche, di sistemi e impianti civili e per l'ambiente e il territorio;
b) per il settore "ingegneria industriale": la pianificazione, la progettazione, lo sviluppo, la direzione lavori, la stima, il collaudo, la gestione, la valutazione di impatto ambientale di macchine, impianti industriali, di impianti per la produzione, trasformazione e la distribuzione dell'energia, di sistemi e processi industriali e tecnologici, di apparati e di strumentazioni per la diagnostica e per la terapia medico-chirurgica;
c) per il settore "ingegneria dell'informazione": la pianificazione, la progettazione, lo sviluppo, la direzione lavori, la stima, il collaudo e la gestione di impianti e sistemi elettronici, di automazione e di generazione, trasmissione ed elaborazione delle informazioni.

In particolare, formano oggetto dell'attività professionale degli iscritti alla sezione A le attività, ripartite tra i tre settori che implicano l'uso di metodologie avanzate, innovative o sperimentali nella progettazione, direzione lavori, stima e collaudo di strutture, sistemi e processi complessi o innovativi.

Formano oggetto dell'attività professionale degli iscritti alla sezione B:
per il settore "ingegneria civile e ambientale":
- le attività basate sull'applicazione delle scienze, volte al concorso e alla collaborazione alle attività di progettazione, direzione dei lavori, stima e collaudo di opere edilizie comprese le opere pubbliche
- la progettazione, la direzione dei lavori, la vigilanza, la contabilità e la liquidazione relative a costruzioni civili semplici, con l'uso di metodologie standardizzate
- i rilievi diretti e strumentali sull'edilizia attuale e storica e i rilievi geometrici di qualunque natura

per il settore "ingegneria industriale":
- le attività basate sull'applicazione delle scienze, volte al concorso e alla collaborazione alle attività di progettazione, direzione lavori, stima e collaudo di macchine e impianti, comprese le opere pubbliche
- i rilievi diretti e strumentali di parametri tecnici afferenti macchine e impianti
- le attività che implicano l'uso di metodologie standardizzate, quali la progettazione, direzione lavori e collaudo di singoli organi o di singoli componenti di macchine, di impianti e di sistemi, nonché di sistemi e processi di tipologia semplice o ripetitiva

per il settore "ingegneria dell'informazione":
- le attività basate sull'applicazione delle scienze, volte al concorso e alla collaborazione alle attività di progettazione, direzione lavori, stima e collaudo di impianti e di sistemi elettronici, di automazioni e di generazione, trasmissione ed elaborazione delle informazioni
- i rilievi diretti e strumentali di parametri tecnici afferenti impianti e sistemi elettronici
- le attività che implicano l'uso di metodologie standardizzate, quali la progettazione, direzione lavori e collaudo di singoli organi o componenti di impianti e di sistemi elettronici, di automazione e di generazione, trasmissione ed elaborazione delle informazioni, nonché di sistemi e processi di tipologia semplice o ripetitiva